"Super ACE" 2021

Il D.L. n. 73/2021, c.d. Decreto Sostegni-bis, ha previsto il rafforzamento dell'ACE attraverso l'applicazione di un coefficiente maggiorato alla variazione in aumento di capitale proprio avvenuta nel corso dell'esercizio 2021.


L’ACE, Aiuto alla Crescita Economica, è un incentivo fiscale che invita le imprese alla patrimonializzazione, il Decreto Sostegni bis ha previsto un rafforzamento dell'ACE "ordinaria" al fine di sostenere le attività produttive a riemergere dalla crisi scatenata dall’emergenza epidemiologica.


La versione rinforzata dell’ACE 2021, c.d. Super Ace, presenta le seguenti caratteristiche:

  • viene calcolata sulla base di un maggior coefficiente di remunerazione, pari al 15%;

  • rileva l'incremento del capitale proprio nell'esercizio in corso (2021) rispetto a quello esistente alla chiusura del periodo d’imposta precedente (2020), per un ammontare massimo di 5 milioni di euro;

  • confluiscono nella base di calcolo i conferimenti in denaro dei soci, le rinunce ai crediti vantati dai soci nei confronti della società e la destinazione dell'utile di esercizio a riserva;

  • può essere fruita come deduzione dalla base imponibile o come di credito d’imposta.

Si evidenzia che l'eventuale eccedenza di incremento di patrimonio netto rispetto al limite di 5 milioni di euro può comunque fruire dell'ACE "ordinaria" con aliquota dell'1,3%.


Utilizzo dell'incentivo


Qualora si scelga di fruire del credito d’imposta, quest'ultimo può essere:

  • utilizzato in compensazione con il modello F24, senza limiti di importo;

  • richiesto a rimborso;

  • ceduto a terzi, con possibilità di ulteriore cessione successiva.

La disposizione prevede che si possa usufruire del credito d’imposta a partire dal giorno successivo a quello di avvenuto versamento del conferimento, di rinuncia al credito o di delibera dell’assemblea di destinazione dell’utile di esercizio a riserva.

Tuttavia, per poter effettivamente fruire del credito d’imposta, è necessario presentare un'istanza all’Agenzia delle Entrate a partire dal 20 novembre 2021 fino alla scadenza del termine ordinario per la presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta 2021.


Sostanzialmente, per l'ACE rafforzata, spetta all’impresa decidere le alternative modalità di fruizione del beneficio:

  • come variazione in diminuzione dell’Ires, in sede di calcolo delle imposte del periodo d'imposta 2021;

  • in via anticipata, a partire dal momento in cui si realizza il presupposto del beneficio, attraverso la sua trasformazione in credito di imposta.

78 visualizzazioni