Bonus pubblicità - Le novità del Decreto Sostegni bis

Il DL n. 50/2017 ha introdotto un credito d’imposta, connesso alle “campagne pubblicitarie” poste in essere da imprese, enti non commerciali e lavoratori autonomi. Con il DL n. 73/202, sono state apportate alcune “integrazioni” all’agevolazione in esame applicabili al 2021/2022.


Il credito d’imposta in esame è previsto per l’acquisto di spazi pubblicitari/inserzioni commerciali effettuate tramite:

  • stampa periodica/quotidiana (nazionale o locale) anche “on line”;

  • emittenti televisive/radiofoniche locali (analogiche o digitali).

Al fine dell’agevolazione:

  • le emittenti radiofoniche/televisive locali devono essere iscritte presso il Registro degli operatori di comunicazione;

  • i giornali devono essere iscritti presso il competente Tribunale/Registro degli operatori di comunicazione ed avere un direttore responsabile.

Sono escluse le spese sostenute per l’acquisto di spazi destinati ai seguenti servizi particolari:

  • televendite di beni/servizi di qualunque tipologia;

  • servizi di pronostici/giochi/scommesse con vincite di denaro;

  • servizi di messaggeria vocale/chat-line con servizi a sovraprezzo.

Il credito d’imposta in esame va utilizzato esclusivamente in compensazione nel mod. F24, tramite i servizi telematici messi a disposizione dell’Agenzia delle Entrate ed è alternativo e non cumulabile, in relazione alle medesime voci di spesa, con altre agevolazioni “salvo che successive disposizioni di pari fonte normativa non prevedano espressamente la cumulabilità” dell’agevolazione stessa;

Tale credito è tassato ai fini IRPEF / IRES e IRAP.


Evoluzione dell'agevolazione nel corso del tempo


Nel corso del tempo il Legislatore ha introdotto alcune modifiche al credito d’imposta in esame così sintetizzate:

  • per il 2020, il DL n. 18/2020, c.d. “Decreto Cura Italia” ha disposto la concessione del bonus nella misura unica del 30% degli investimenti effettuati (in precedenza l’agevolazione spettava nella misura unica del 75% del valore degli investimenti incrementali);

  • per il 2020, il DL n. 34/2020, c.d. “Decreto Rilancio” ha aumentato la predetta percentuale al 50% degli investimenti effettuati ed esteso il beneficio anche agli investimenti effettuati su emittenti televisive/radiofoniche nazionali non partecipate dallo Stato (anziché esclusivamente locali) analogiche o digitali;

  • per il 2021 e il 2022, la Finanziaria 2021 ha previsto la quantificazione del bonus a favore delle imprese/enti non commerciali/lavoratori autonomi che investono in “campagne pubblicitarie” su giornali quotidiani/periodici, anche in formato digitale, nella misura unica del 50% degli investimenti effettuati.

Novità del “Decreto Sostegni-bis”


Con il DL n. 73/2021, c.d. “Decreto Sostegni-bis” il Legislatore ha previsto per il 2021 e 2022 che il credito d’imposta in esame spetta nella misura del 50% per gli investimenti radio-TV.

Ciò consente di beneficiare dell’agevolazione in esame, in particolare, anche ai soggetti che non hanno effettuato investimenti pubblicitari nel 2020 o che hanno iniziato l’attività nel corso del 2021.

Considerate le suddette novità per il 2021 il bonus pubblicità è così calcolato:


(Investimenti sulla stampa 2021 + Investimenti radio-TV 2021) x 50% = Bonus pubblicità 2021


Prenotazione Bonus 2021


Per accedere al credito d’imposta in esame i soggetti interessati devono presentare un’istanza telematica (a carattere “prenotativo”), da inviare, tramite la specifica piattaforma resa disponibile dall’Agenzia delle Entrate, utilizzando l’apposito modello, con l’indicazione degli investimenti effettuati/da effettuare nell’anno.

A seguito delle predette novità, per il 2021, il c.d. “Decreto Sostegni-bis” ha previsto che l’istanza relativa agli investimenti 2021 può essere presentata nel periodo 01.09 - 30.09.2021.

Recentemente con il Comunicato 31.08.2021 il Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria, al fine di consentire l’aggiornamento della piattaforma telematica, ha differito il termine al 31.10.2021.

Si rammenta, infine, che dall’01.01 al 31.01.2022 dovranno essere comunicati gli investimenti pubblicitari effettivamente realizzati nel 2021.

13 visualizzazioni